Insieme nella quotidianità con bambini a Torino Casa dei Giardini Cavour - Via dei Mille 21A Torino - Tel 344-1417702 - mammegiardinicavour@gmail.com

Giardini e dintorni

Segnala una notizia

NATALE SCUOLE CHIUSE A CASA GIARDINI CAVOUR

Ecco il programma delle attività proposte a Casa Giardini per bambini da 4 a 11 anni i giorni 22, 27, 28 e 29 dicembre per sopperire alla chiusura delle scuole:

Venerdì 22 al mattino i più grandi potranno cimentarsi nel pattinaggio sul ghiaccio mentre i più piccoli potranno dedicarsi alla realizzazione di decorazioni natalizie.

Il pomeriggio sarà organizzata una caccia al tesoro a tema natalizio ai Giardini Cavour.

Gli altri giorni sono previste attività ludico sportive, laboratori di cucina e ceramica e giochi di gruppo.

Ogni mattina i bambini saranno accolti tra le 8,30 e le 9. I pasti saranno consumati al Bar Patzè. Fine attività e recupero bambini entro le 17,30.

Le quote giornarliere varieranno in base al programma (minimo 18 euro e massimo 25 euro, pasti e assicurazione compresi).

per info e iscrizioni: SARA mammegiardinicavour@gmail.com 

Leggi tutto

HALLOWEEN 2017

Martedì 31 ottobre pomeriggio all'insegna del ...terrore tra le vie di Borgo Nuovo.

Si partirà alle 16,30 con un laboratoriio di manualità a tema e trucca bimbi dalla Gastronomia Am Pias in Via Fratelli Calandra angolo via Mazzini con la partecipazione di Dalila Estetica.

Alle 18 raduno di streghe. mostri e creature spaventoso davanti a Am Pias per partire alla volta di DOLCETTO&SCHERZETTO.

Per finire, i bambini più grandi (7/11 anni) sono invitati a PIZZA&FILM a Casa Giardini in via dei Mille 21A per assistere insieme ad un film comico/orror davanti ad una buona pizza.

Le iscrizioni potranno pervenire entro il 26 ottobre a mammegiardinicavour@gmail.com

 

Leggi tutto

SCUOLA MATERNA: QUALE ?

Claudia, mamma di due gemelle di due anni, cerca informazioni e consigli sulle Scuole materne della zona Giardini Cavour e dintorni.

Chi ne avesse, ancora meglio se di prima mano, può scrivere direttamente a:

claudia.armillotta@gmail.com

 

 

Leggi tutto

CALCIO PER GIOCO

A fronte della grande richiesta dei bambini di zona, anche quest'anno un volenteroso gruppo di mamme si è reso disponibile ad organizzare un paio di pomeriggi calcistici a settimana presso il campetto di via dei Mille 21A.

Il martedì (dalle 16,45)  sarà dedicato ai bambini da 6 a 8 anni, mentre il giovedì (setssa ora),  giocheranno i ragazzini under 10.

Si tratta di un'attività più ludica che sportiva, interamente autogestita priva di qualunque scopo lucrativo.

Per maggiori informazioni si può contattare Margherita o Mamma Vittoria all'indirizzo mail: atleticocavour@gmail.com

 

Leggi tutto

TEATRO&BURATTINI PRESSI GIARDINI

Dal 2 ottobre in Piazza Cavour 2, di fianco al Bar Patzè prenderà il via il corso di teatro e burattini condotto da Patrizia Agosto e Giulietta De Bernardi rivolto ai bambini della scuola elementare.

Leggi tutto

PREADOLESCENTI E USO DEL CELLULARE

Selvaggia Lucarelli, mamma e blogger,  scrive sul FATTO QUOTIDIANO, in tono semiserio, la sua esperienza di mamma alle prese con un figlio preadolescente

Caro Figlio, ecco cinque regole per il tuo primo cellulare

“Tre anni fa una giornalista americana dell’Huffington Post, Burley Hoffman, regalò un iPhone al figlio e stipulò con lui una sorta di contratto pubblico con delle regole che il figlio avrebbe dovuto rispettare. All’epoca mi sembrò l’esercizio retorico di una madre narcisista (al pari delle recenti lettere dei genitori alle maestre pubblicate su Facebook) e che snobbai la faccenda con la solita aria da genitore che ne sa più degli altri. Nel frattempo, sono successe un po’ di cose.
La prima è che mio figlio, a 11 anni, è entrato nella pre-adolescenza e ho realizzato che siccome infanzia e adolescenza sono le madri di tutti i dibattiti pedagogici, della pre-adolescenza si parla troppo poco. Guardate che la pre-adolescenza è un’età infame come poche. Non hanno ancora peli superflui, ma ti fanno il pelo qualsiasi cosa tu dica.
Non ti abbracciano più la mattina fuori scuola ma ti piombano ancora nel letto dopo un incubo. Non hanno ancora la voce grossa ma fanno la voce grossa. Insomma. Il genitore di un preadolescente si sveglia e non si ritrova più un figlio con il peluche sotto al braccio che piange perché ha fatto la pipì nel letto. Non si ritrova neanche un tizio ostile con un accenno di baffi che gli urla “Ti odio” con un cannone di marijuana in mano. Quella è l’adolescenza. Si ritrova un figlio che gli dice “Ti odio!” col peluche sotto braccio. Perché nessuno psicologo ve lo dirà mai, ma il succo è questo: l’infanzia è la costruzione dell’io, l’adolescenza è l’affermazione di sé, la preadolescenza è una gran rottura di coglioni. I bambini sono teneri, gli adolescenti stronzi, i preadolescenti destabilizzanti. Si tratta di accompagnarli nel mondo degli adulti sapendo che i nostri uomini-bambini hanno già un piede in Youporn, ma l’altro ancora a Disneyland Paris.
IO, PER DIRE, ho un figlio undicenne che l’altra sera vedeva Match point di Woody Allen con me e a un certo punto, quando il protagonista ha scoperto di aver messo incinta l’amante, con estrema naturalezza ha detto: “Beh, poteva usare il preservativo, così avrebbe evitato di fare del male alla famiglia”. Stavo mandando giù un cucchiaio di riso, credo di aver rischiato una tracheotomia. Quello stesso bambino, dopo venti minuti mi ha chiesto di accompagnarlo a letto e di raccontargli una storia, roba che a quel punto ero terrorizzata all’idea che mi chiedesse se il bacio a Biancaneve il principe l’avesse dato con la linguao senza, quindi ho optato per Pinocchio. Immaginate dunque gli interrogativi quando l’uomo-bambino mi ha chiesto un cellulare per poter comunicare con i nuovi amici di scuola nel pomeriggio o durante il weekend. “Ce l’hanno tutti”, mi ha detto, e siccome io resisto a quasi tutte le arringhe, da “Mamma per favore” a “poi non mi regali più niente per un anno”, ma il “ce l’ hanno tutti” evocale mie ambizioni da paninara frustrate dall’ostinazione di mia madre nel comprarmi i Carrera anziché i Levi’s perché “ce l’ hanno tutti”, ho miseramente ceduto. Mi è tornato alla mente quel contratto e ho capito tutto. Ho capito che stavo consegnando un M-13 a un bambino di 11 anni. Anzi, a un ragazzo di 11 anni.
Insomma, a questo strano ibrido. E che io non posso sapere se nell’utilizzare il telefono lo guiderà l’ingenuità che ancora conserva o la malizia che sta sbocciando. Allora gli ho consegnato un mio vecchio cellulare e ho stabilito le mie 5 regole:
1. Tu non possiedi un cellulare. Utilizzi un cellulare. Se lo utilizzi bene sperimenterai una cosa nuova ed entusiasmante: la condivisione di idee e contenuti. Se lo utilizzi male sperimenterai una cosa altrettanto nuova: un cazziatone memorabile.
2. Puoi scegliere la password che vuoi. Può essere il nome del tuo cane o la successione di Fibonacci, ma ti consiglio di non sforzarti troppo. Tanto, quella password, la dirai anche a me. E non provare a pronunciare la parola “privacy” perché la privacy, a 11 anni, te la concedo giusto in bagno.
C’e una bella differenza tra un genitore che si impiccia e un genitore che vigila. Un giorno non troppo lontano sarai libero di nascondermi le tue cazzate e io non potrò fare nulla per evitarle, per adesso lascia che io le prevenga, perché anche se sei saggio e maturo, potresti non chiamarle con quel nome. O essere vittima di quelle degli altri. Detto ciò, rilassati. Se manderai cuoricini alla fidanzata non ne discuteremo alla cena di Natale con sette generazioni di parenti attorno alla lasagna ai funghi.
3. A proposito di fidanzatine. Abituati a trattarle bene fin da ora. Il telefono è un buon esercizio di educazione sentimentale. Se devi dire a qualcuna che ti piace, se puoi, fallo a voce. Idem se devi dire a una fidanzatina che non ti piace più. Se una fidanzatina ti manda delle sue foto, ricordati che sono un regalo per te. Se le invierai a un tuo amico o, peggio, a tuoi amici, io invierò a tutta la chat “Prima M” la foto di un tuo Carnevale di sei anni fa in cui ti eri vestito da Leone il cane Fifone. Se qualche ragazzina ti invierà foto meno vestita, di’ a quella bambina che potrebbe incontrare un bambino meno delicato e rispettoso di te e che il tuo modo per rispettarla sarà cancellare quella foto. L’idea che tu possa condividere quella foto con gli amici è un’ipotesi che non voglio neanche prendere in considerazione anche perché prevede violente colluttazioni e un collegio tedesco.
4. Non usare il cellulare per deridere qualcuno.
Non assecondare nessuno che lo fa con gli altri. Anche solo un tuo emoticon sorridente sotto una frase feroce è una ferita in più per chi subisce.
5.Se non sei d’accordo con uno qualsiasi di questi punti, non ti preoccupare Leon. Da madre democratica quale sono, ne discuteremo. E poi, naturalmente, mi riconsegnerai il cellulare.”

 

 

Leggi tutto

A SCUOLA DI IMMAGINE E DISEGNO

Olga Tranchini, illustratrice, propone corsi rivolti ai bambini per imparare a disegnare ed illustrare la propria fantasia e creatività  con le immagini.

olga.tranchini@gmail.com

Leggi tutto

POMERIGGI ORTO BOTANICI CON MAMMA&PAPA'

ROBERTA BOGGIO MARZET e ALESSIA NOSEDA, architette del paesaggio, organizzano workshop tematici rivolti ad adulti e bambini con lo scopo di far conoscere e rispettare i ritmi della natura con un approccio creativo e allo stesso tempo didattico. Per imparare a cotruire Kokedami, orti urbano, mangiatoie per uccellini e tanto altro

Per saperne di più:

https://www.architetturabotanica.com/i-nostri-corsi

Leggi tutto
«
Pagina 1 di 9
»
Pagina